Blog

Storie di gente comune che ha il mare dentro

Jusu & Susu, il mare sopra e sotto / Il debutto del blog "sopra" e "sotto" marino che prende il nome dal noto brano degli Agricantus

Perché un blog chiamato “Jusu & Susu”? L'origine risale ai documentari televisivi realizzati nel 2005 per Antenna Sicilia, che raccontavano la Sicilia subacquea attraverso i più bei “Relitti di Sicilia”, quelle navi che giacciono sul fondo del mare e dalle quali abbiamo voluto pescare storie, appunto, di uomini e di navi. “Jusu e Susu” è una delle canzoni degli Agricantus utilizzate nella colonna sonora di uno di quei documentari

Il relitto del Veniero

Il relitto del Veniero, foto di Piero Caruso

“...Jusu e susu
comu vaicchi mmenzu u marusu
s'abbaca
ni nni jamu i ccà...”

(Jusu e SusuAgricantus – Tony Acquaviva, Rosie Wiederkehr)


Su e giù come barche, sbattuti o cullati tra le onde, dipende dai punti di vista. Il viaggio è lungo e il sale tira sulla pelle, punge.

E' un nuovo viaggio quello che stiamo per proporvi, su un'imbarcazione un po' sgangherata, di quelle che, per dirla con Kierkegard, “...la nave è ormai in preda al cuoco di bordo, e ciò che trasmette al microfono del comandante non è più la rotta ma ciò che mangeremo domani...”.

Ecco, “Jusu & Susu” vuole raccontarvi con un pizzico di follia storie di mare e di terra, di uomini e di navi. Di musica, di cinema, di eroi e veri eroi, cioè la gente comune che “tene 'o mare” dentro.

Ma perché proprio “Jusu & Susu”? L'origine del nome è assai lontana nel tempo. E risale a quando, per volervela raccontare tutta, io e il mio “equipaggio”, quello che, per intenderci, intorno al 2005 mise su una serie di documentari televisivi realizzati per Antenna Sicilia, decidemmo di raccontare la Sicilia subacquea, compiendo il periplo dell'isola per descrivere i più bei “Relitti di Sicilia”, quelle navi che giacciono sul fondo del mare e dalle quali abbiamo voluto pescare storie, appunto, di uomini e di navi. “Jusu e Susu” è una delle canzoni degli Agricantus utilizzate nella colonna sonora di uno di quei documentari. La “genesi” (con annessi aneddoti), se vi interessa, la potete leggere tra le pagine di “Storie di uomini e di navi - Un'avventura chiamata Veniero” (ed. La Mandragora), libro in cui, io e il mio collega di immersioni, Guido Capraro, ripercorriamo l'incredibile quanto sfortunata vicenda del Regio Sommergibile Sebastiano Veniero. Ecco, volevo proprio ripartire da lì per raccontare nuove storie, ovviamente con la vostra complicità. Storie di mare e di terra, di uomini e di pesci. Storie di vita.

Per il momento, buon vento a tutti e… Al prossimo tuffo!

l.lodato@lasicilia.it

L'autore

Leonardo LodatoLeonardo Lodato, è giornalista, capo servizio del quotidiano La Sicilia, e subacqueo (O.C. Extended Technical Diver). Il mare è la sua dimensione naturale. La scrittura, il mezzo per cercare di trasmettere agli altri questa sua grande passione.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0