L'incontro

A Taormina "Le lunghe notti" di Domenico Trischitta

Venerdì 27 luglio sulla terrazza dell'Hotel Isabella, alle 18.30, la presentazione della raccolta di racconti dello scrittore catanese chiude il ciclo estivo di incontri di Il Caffè letterario in... terrazza di Spazio al Sud organizzato dall'associazione Arte&Cultura a Taormina presieduta dalla giornalista Maria Teresa Papale che ne firma anche la direzione artistica

Presentato dalla giornalista Milena Privitera,il libro, è una raccolta - nata vent'anni fa ma pubblicata nel dicembre 2016 - di racconti che scorre per rapidi episodi quasi "bozzettistici" in cui sono racchiusi specifici momenti di vita 

Domenico Trischitta

Lo scrittore Domenico Trischitta, foto Dino Stornello

Il Caffè letterario in... terrazza di Spazio al Sud edizione 2018 - organizzato dall'associazione Arte&Cultura a Taormina presieduta dalla giornalista Maria Teresa Papale che ne firma anche la direzione artistica - chiude la stagione estiva presentando venerdì 27 luglio, alle ore 18.30, la raccolta di racconti "Le lunghe notti" (Avagliano Editore) di Domenico Trischitta. Tocca così allo scrittore, giornalista e drammaturgo catanese, che può esibire per i suoi scritti postfazioni e note critiche di estimatori quali Manlio Sgalambro e Giuseppe Pontiggia, scrivere la parola fine alla movida libraria "open air" ospite dalla panoramica terrazza dell'Hotel Isabella, condotta con lievità di tocco e fine acume dalla giornalista Milena Privitera che, ha presentato le ultime fatiche letterarie di talentuosi scrittori, quasi tutti siciliani.

Domenico Trischitta le Lunghe notti

Un evento culturale quello di venerdì, che vede assoluto protagonista il senso sfuggente della vita o, spesso, il suo no-sense, "la solitudine degli esseri umani che cercano il proprio riscatto nell'amore e nella solidarietà" resa da Trischitta con una scrittura priva di retorica e compiacimenti linguistici, con uno stile delicato e poetico che scorre fluido, cadenzato com'è da un ritmo dichiaratamente cinematografico e da un soundtrack per intenditori che dal blues arriva a Bellini. Il libro, solo all'apparenza "frammentario", è una raccolta - nata vent'anni fa ma pubblicata nel dicembre 2016 - di racconti che scorre per rapidi episodi quasi "bozzettistici" in cui sono racchiusi specifici momenti di vita. 

Divisa in due sezioni speculari, "Le lunghe giornate" e "Le lunghe notti", a loro volta divise per temi (morte, destini, casualità etc.) vede i vari soggetti, più che ad usuali personaggi, assurgere al rilievo di categorie emblematiche – l'assassino, il taxista, la puttana, il prete, il marinaio, il viaggiatore... - molti dei quali, incontrati nella prima parte, ritornano visti da una nuova angolazione nella seconda. Tutti legati dal mal di vivere, tutti alla ricerca di un senso. Una sorta di compagnia di anti-eroi che decideranno di dare una svolta alla loro vita infelice in un solo giorno, in una sola notte. Trovando nel racconto finale il riepilogo del tutto. Quel senso, a volte no-sense della vita.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0