Il concerto

A Catania il pop sofisticato di Chiara Civello

Il 9 settembre al Palazzo della Cultura l'unica data siciliana per la cantautrice romana ma di radici siciliane. Con lei sul palco Seby Burgio alle tastiere e Federico Scettri alla batteria e elettronica

Dopo l’uscita dell’Ep “Cuore in tasca” e il tour europeo come special guest di Gilberto Gil, continua il tour estivo in Italia della sofisticata cantautrice che presenterà i brani del suo ultimo album “Eclipse”, in uscita internazionale a settembre, perfetto equilibrio tra atmosfere classiche e sonorità moderne

Chiara Civello

Chiara Civello, foto di Solange Souza

Dopo l’uscita dell’Ep “Cuore in tasca” e il tour europeo come special guest di Gilberto Gil, continua il tour estivo in Italia della sofisticata cantautrice Chiara Civello per presentare i brani del suo ultimo album “Eclipse” (distribuzione Sony Music Italy), in uscita internazionale a settembre. Domenica 9 settembre l’artista sarà in concerto al Palazzo della Cultura di Catania (Cortile Platamone, via Landolina - inizio concerto ore 21.00) e sarà accompagnata sul palco da Seby Burgio (tastiere, pianoforte) e Federico Scettri (batteria, elettronica).

“Eclipse” contiene dodici brani, registrati tra Parigi, New York, Rio e Bari, che uniscono gli elementi fondanti della musica di Chiara alla produzione illuminata di Marc Collin (Nouvelle Vague), capace di trovare un perfetto equilibrio tra atmosfere classiche e sonorità moderne e di mischiare l’atmosfera del grande cinema italiano con quella da nouvelle vague francese. Un pop italiano elegante, con influenze brasiliane e alcune rivisitazioni di classici del cinema italiano con arrangiamenti elettronici.

Per la realizzazione di “Eclipse”, Chiara Civello si è avvalsa della collaborazione di amici di grande talento, come Francesco Bianconi (Baustelle) e Kaballà, che hanno scritto con lei “New York City Boy”; Cristina Donà, co-autrice della malinconica “To Be Wild”; al raffinato chansonnier milanese Diego Mancino è affidato il compito di raccontare “Come vanno le cose”, in apertura dell’album; il sorprendente talento dei giovani cantautori Dimartino e Diana Tejera è al servizio di “Cuore in tasca” e di “La giusta distanza”. Non mancano le atmosfere brasiliane, che affiorano qui e là in tutto l’album, ma sono due le canzoni che Chiara dedica al suo mondo musicale d’elezione: “Sambarilove”, un contagioso "sambalanço" scritto a quattro mani con Rubinho Jacobina (che duetta con Chiara), e “Um Dia”, firmata con l'eclettico chitarrista Brasiliano Pedro Sà. Questa la tracklist dell’album: “Come vanno le cose”, “Eclisse twist”, “Cuore in tasca”, “Qualcuno come te”, “Sambarilove”, “Parole parole”, “Amore amore amore”, “La giusta distanza”, “Um dia”, “New York City Boy”, “To Be Wild”, “Quello che conta”.

Chiara Civello, romana ma di famiglia modicana, è stata notata da pubblico e critica grazie alla pubblicazione del suo primo disco “Last Quarter Moon” (2005), che l’ha resa la prima artista italiana nella storia ad incidere il suo album d’esordio per la prestigiosa etichetta Verve Records. L’album contiene la ballad “Trouble”, composta a quattro mani con il leggendario Burt Bacharach. Nel 2008 Chiara Civello parte per il Brasile dall’amico Daniel Jobim, viaggio che le consente di entrare in contatto con la cultura e la musica brasiliane e di conoscere grandi artisti del luogo con i quali inizia una fruttuosa collaborazione. “Problemas”, la versione portoghese del brano di Chiara “Problemi”, scritta insieme alla star del pop brasiliano Ana Carolina e Dudu Falcão (tratto dal disco “Al posto del mondo”), vince il Premio Multishow come migliore canzone del 2012 in Brasile. Nel 2012 Chiara partecipa al Festival di Sanremo nella sezione Big, con il brano “Al posto del mondo”. Nel 2014 esce il fortunato quinto album in studio, “Canzoni”, prodotto da Nicola Conte e con cui Chiara Civello si presenta per la prima volta nell’inedita veste di sola interprete e si avvale di ospiti straordinari come il monumentale Gilberto Gil, il poetico Chico Buarque, e la jazz star Esperanza Spalding. L’ultimo album “Eclipse” (distribuzione Sony Music Italy), prodotto da Marc Collin dei Nouvelle Vague, segna un passo avanti rispetto alle sonorità acustiche e live dei dischi precedenti. Batterie elettroniche, uccellini, basso synth, organi elettrici anni ‘70 e percussioni si amalgamano elegantemente su canzoni inedite con illustri collaboratori tra cui Francesco Bianconi, Cristina Donà, Dimartino e Diego Mancino e qualche chicca speciale in omaggio al cinema Italiano.  Recentemente Chiara Civello ha accompagnato sul palco Gilberto Gil per l’intera tournée europea “Refavela 40” che celebrava l’album “Refavela”, uno dei progetto più belli e coinvolgenti di tutta la carriera del cantautore brasiliano a quarant’anni di distanza dalla sua pubblicazione.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0