Visioni

Il cinema narrativo è di scena a Salina

Dal 13 al 15 settembre la XII edizione del SalinaDocFest, il festival del documentario narrativo diretto da Giovanna Taviani

In programma 14 i film, di cui sei quelli in concorso, 10 anteprime siciliane, una nazionale e un particolare omaggio a Vittorio Taviani. Tra gli ospiti sono attesi il regista Abderrahmane Sissako e la sceneggiatrice Kessel Tall

Giovanna Taviani

Giovanna Taviani

Prenderà il via giovedì 13 settembre a Salina la XII edizione del SalinaDocFest, il festival del documentario narrativo diretto da Giovanna Taviani che si svolge tra Malfa e Santa Marina Salina, fino a sabato 15 settembre. Saranno 14 i film proiettati durante il festival, di cui sei quelli in concorso, e 10 anteprime siciliane e una nazionale.

timbuktu di Abderrahmane Sissako

Dal film Timbuktu di Abderrahmane Sissako

Primo titolo italiano in concorso sarà “La strada dei Samouni” di Stefano Savona, al quale seguiranno “Amal” di Mohamed Siam, “Beautiful things” di Giorgio Ferrero e Federico Biasin, ” "Happy Winter" del palermitano Giovanni Totaro, “Iuventa” di Michele Cinque e “La spartenza” di Salvo Cuccia . Ospite della XII edizione il regista Abderrahmane Sissako, uno dei maestri del cinema africano, che porterà a Salina “Timbuktu”, e la sceneggiatrice Kessel Tall che sarà protagonista di una masterclass incentrata sulla scrittura tra realtà e finzione. Fuori concorso verranno presentati anche tre documentari di Marcella Pedone, proiettati per la prima volta in Sicilia a 60 anni dalla loro pubblicazione, e “Lazzaro felice” di Alice Rohrwacher.Il Salina Doc Fest ha riservato un particolare omaggio a Vittorio Taviani, da poco scomparso e tra i grandi sostenitori del Festival, e Gian Maria Volontè con la proiezione di “Un uomo da bruciare” di Paolo e Vittorio Taviani e Valentino Orsinim, e con il recital “Il sogno di mio padre” di Yousif Iaralla affiancato da Mario Incudine, Gaspare Balsamo e Giovanni Calcagno che saranno anche protagonisti dell’evento collaterale “Contro-Cunto (Di)Vino”, narrazioni itineranti tra le cantine dell’isola . Evento speciale Irritec SiciliaDoc “Lettera a mio padre” di e con Giuseppe Fiorello.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0