Clubbing

Fine settimana elettronico per il MA di Catania

Venerdì 1 febbraio sul palco i palermitani Light Circles con il loro set audovisivo, sabato 2 febbraio per Beat Boutique, l'elettronica da cluab, arriva il dj e produttore berlinese Adam Port. Domenica 3 febbraio si chiude col rock dei Volcanic Ash, tribute band dei Guns'n'Roses

Light Circles è un progetto di performance audiovisiva condiviso tra Alessandra Bollino in arte Oria (voce, musica elettronica, testi e performer) e il visual artist Alessandro Giannotta in arte Ale Gianni (video editing, installazioni  video, visual jokey). L’enfasi di Adam Port è tutta puntata sullo stile, sul groove e sulla raffinatezza che prende origine dal dub, dalla dancehall, dal rap, dal soul ed anche dallo psychedelic rock, imprimendo alla sua house e tecno il suo inconfondibile stile originale. I catanesi Volcanic Ash hanno nel cuore il rock sporco e cattivo della band di Axl Rose

Light Circles

Alessandra Bollino in arte Oria dei Light Circles

Venerdì 1 febbraio al MA di Catania, il club di via Vela da 14 anni palcoscenico privilegiato per la musica e per la variegate arti dell’intrattenimento, sarà W Friday 15° appuntamento stagionale di Friday, la super festa del venerdì a Catania. La serata inizia, come di consueto, in teatro con un concerto, ospiti della settimana il duo audiovisivo palermitano dei Light Circles che presentano il loro ultimo progetto “Rooms in your minds”. Subito dopo nella sala disco spazio al dancefloor con i resident dj’s del venerdì che questa settimana saranno Mariagrazia Vinciguerra, Ugo Macaluso e Fabio Vitale mentre in Birreria le selezioni saranno, come ogni settimana, di Antonio Oliva e Fabrizio Serio.
Light Circles è un progetto di performance audiovisiva condiviso tra Alessandra Bollino in arte Oria (voce, musica elettronica, testi e performer) e il visual artist Alessandro Giannotta in arte Ale Gianni (video editing, installazioni  video, visual jokey). Il progetto nasce nell’estate del 2017 a Palermo, dall'unione dei suoni  di Oria e dalle immagini di Ale Gianni, tramite vari incontri di  sperimentazione audiovisiva nel sottosuolo palermitano... dove emergono  immagini astratte, luminose 2D e 3D, il linguaggio universale in uno scenario psichedelico caratterizzato da kaleodoscopi, tunnel, spirali, mandala, frattali e  forme geometriche, che si fondono a suoni underground di diversi generi  musicali, spaziando dalla new wave, ambient, synth wave, techno, pop, musica sperimentale  in chiave inedita. Così come dal buio nasce la luce, i giochi dei sensi, tra vista e udito si alternano in equilibrio.  Il duo Light Circles visualizza la musica in un flusso senza fine alla propria immaginazione e a quella dell'osservatore immergendosi in vibrazioni positive.

Sabato 2 febbraio, il quarto appuntamento di Beat Boutique, progetto giunto al terzo anno, basato sulla musica elettronica da club. Il format si propone di offrire ritmi e sonorità mai scontate con incursioni nei generi classici, miscele melodiche, nette escursioni nella musica psichedelica, ibridazioni matematiche e frequenti incroci con la contemporary folk music o folk revival music.
La serata comincia alle 22  con il dj set di accoglienza di Andrea Alparone. Subito dopo spazio alla musica nella Main Room con il resident dj Francesco Samperi, e le selezioni delle guest star, il dj berlinese Adam Port e la sua Afro-Kraut-House. Analizzando i meriti musicali di Adam Port oggi, appare evidente come questi abbiano preso forma al di fuori dei percorsi più battuti: sia nel suo approccio al mondo del djing, sia la sua progressione artistica che emerge dalle sue produzioni.  Adam è stato in grado di attirare l’attenzione di tutto il panorama dance mondiale, per tutta una serie di pubblicazioni sia su Keinemusik, la sua etichetta con base a Berlino, che gestisce con il collettivo di artisti, &ME, Rampa, Reznik e la designer Monja Gentschow, che su etichette come Freerange, Pets, Cocoon, Moon Harbor, riuscendo a non intaccare le sua integrità artistica, pubblicando sempre tracce che riflettessero intatta la sua passione per la musica. L’enfasi è tutta puntata sullo stile, sul groove e sulla raffinatezza che prende origine dal dub, dalla dancehall, dal rap, dal soul ed anche dallo psychedelic rock, imprimendo alla sua house e tecno il suo inconfondibile stile originale.

Adam Port

Adam Port

Domenica 3 febbraio torna “No Ordinary Sunday” la domenica fuori dall’ordinario di gusto e spensieratezza, caratterizzato dal Palco Libero Show di Alessandro Falcione, jam in libertà in Birreria, come sempre con mille ospiti dal vivo. Per l'appuntamento di domenica 3 febbraio, Falcione e la sua chitarra ospitano i Volcanic Ash, tribute band catanese dei Guns’n’Roses. La formazione: Ash “Gunners” voce, Alessio "Alesh" Ferrara chitarra solista, Nello "Nizzy" Blancato chitarra ritmica, Carmelo "MeloTone" Marino basso, Giuseppe "PopCorn" Compagnino batteria. I Volcanic Ash nascono nel 2008 come progetto dedicato a cover rock degli anni ’70, ’80 e ’90, da Alice in Chains agli Stone Temple Pilots, dall'hard rock degli AC/DC al rock dei Led Zeppelin e Deep Purple.  Una sera finito le prove nella sala Orange del compianto amico Ciccio Marano, a Carmelo "MeloTone" Marino, bassista della band, venne l'idea di trasformare quella cover band in una tribute band dei Guns N' Roses viste le caratteristiche vocali del cantante Ash "Gunners" sfegatato da sempre. La band annovera fra i propri riconoscimenti il premio di miglior Tribute Band 2017 di Lavica Rock, riconoscimenti da parte di dj Ringo Virgin Radio, premio Telethon con cui ha intrapreso una collaborazione, miglior Band Attilio Cappellani 2017, quarto posto su 42 affermatissime band siciliane, nel difficilissimo contest di Tribute Band RiSuoni, ecc..

Volcanic Ash
In sala teatro come consueto il Love Set, lo show di Mario Man che con il suo “love” fa scuotere il bacino per bene prima di affrontare una nuova settimana.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0