Classica

A Caltanissetta c'è Steven Mead, virtuoso dell'eufonio

Martedì5 febbraio al Teatro Regina Margherita il musicista inglese sarà accompagnato al pianoforte dal M° Rosario Randazzo

Il recital, a ingresso gratuito, fa parte della stagione concertistica dell’Istituto superiore di studi musicali Vincenzo Bellini di Caltanissetta, diretta dal M° Angelo Licalsi, quest’anno inserita all’interno della stagione teatrale organizzata dal Comune

Steven Mead

Steven Mead

C'è grande attesa a Teatro Regina Margherita di Caltanissetta per il recital di Steven Mead, virtuoso dell'eufonio che non certo bisogno di presentazioni, che martedì 5 febbraio alle ore 19.30 (ingresso gratuito) sarà di scena a Caltanissetta per la stagione organizzata dall’Istituto superiore di studi musicali Vincenzo Bellini di Caltanissetta, e diretta dal M° Angelo Licalsi, quest’anno inserita all’interno della stagione teatrale organizzata dall'Amministrazione comunale e diretta artisticamente da Aldo Rapè.

Steven Mead, tra gli entusiasti “Ottonisti” di tutto il mondo, virtuoso dello strumento, che non ha certo bisogno di presentazioni. La sua attività di musicista ed insegnante è conosciuta da tutti quelli che amano questo strumento noto come euphonium. Con più di 75 concerti solistici l’anno il suo calendario fitto lo vede quasi continuamente in viaggio, ma sono numerosi anche i successi registrati come un membro di molte delle brass band più importanti del Regno Unito. si è esibito come solista e con le orchestre sinfoniche in Norvegia (Trondheim Symphony Orchestra) , Finlandia (Lahti Symphony Orchestra cond. Osmo Vänskä, and Helsinki Philharmonic cond. Elgar Howarth), Polonia (Capella Cracoviensis), Usa (Minneapolis Pops Orchestra), Canada, Italia, Germania (Stuttgart Philharmonic), Giappone (Japan Chamber Orchestra) and Lituania. Oggi Steven Mead viaggia e suona costantemente con alcune delle migliori ensemble di ottoni, orchestre di fiati e gruppi sinfonici del mondo . Con quasi 60 cd all'attivo dal 1990, Steven Mead è stato descritto come uno degli artisti più registrati al mondo tra gli strumentisti ad ottone. Il suo approccio espressivo alla performance musicale è ammirato da musicisti e professionisti il tutto il mondo, forse anche perché i suoi concerti si distinguono per una comunicazione eccezionale tra artista e pubblico. Accompagnato dal pianoforte del M° Rosario Randazzo, il programma della serata nissena prevede l'esecuzione di “Slavische Fantasie” di Carl Höhne, “Symphonic Rhapsody” di Edward Gregson, “Drink to Me Only “ di H. Snell, “Mayfly Blues” di Stan Nieuwenhuis, “Capriccio di Niccolo” di Frank Proto, “Simple Gift” di Tom Davoren, “Move Their Mind” di Stan Nieuwenhuis e “A Seal Lullaby” di Eric Whitacre.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0