L'evento

A Enna sulle orme di Federico II

Percorso medievale nel cuore della città, di recente inserita negli itinerari federiciani della Fondazione Federico II di Palermo, che fino a domenica 13 maggio è al centro delle celebrazioni della Settimana federiciana

La Settimana federiciana festeggia la figura del grande imperatore svevo tra rievocazioni storiche, cortei, mercatini e mostre a tema, conserva intatte le suggestioni medioevali

Castello di Lombardia di Enna

Il Castello di Lombardia di Enna

Di recente inserita negli itinerari federiciani individuati dalla Fondazione Federico II di Palermo, Enna, che proprio in questi giorni attraverso la Settimana federiciana festeggia la figura del grande imperatore svevo tra rievocazioni storiche, cortei, mercatini e mostre a tema, conserva intatte le suggestioni medioevali. Si può arrivare nel cuore della Sicilia ed affrontare un percorso agevolmente percorribile a piedi partendo dal Castello di Lombardia visitabile anche al suo interno e nei suoi cortili che conservano intatti le suggestioni medioevali. Di fronte al Castello, a pochi metri, la rocca di Cerere, che assieme al lago di Pergusa, è luogo del mito per eccellenza oltre che tappa fondamentale per chi arriva in città. Qui si trovano, ancora evidenti tracce della millenaria storia del centro Sicilia, risalenti all'epoca preistorica, ed all'età ellenistica e tardo antica.

La torre di Federico di Enna

La Torre di Federico

Dallo scorso anno Enna ha il suo piccolo “cammino di Santiago”, la Via Sacra restituita alla città ed alla fruibilità dagli scout ennesi, che collega l’area rupestre che si trova ai piedi della Rocca di Cerere con la Grotta dei Santi che si trova all’interno di un bosco sottostante la Rocca e dove si trovano dipinti bizantini risalenti al XII secolo. Percorribile solo a piedi, il percorso è dotato di insegne nelle varie stazioni lungo il percorso con le informazioni sulla storia dell'area. La Via Sacra 2500 anni fa portava i pellegrini al tempio della Dea Cerere attraverso la scalata della Rocca in un rito di purificazione ed espiazione.
Lasciando il castello, che ospiterà domenica 13 maggio alle 17.30 la tappa conclusiva del gran corteo storico che chiuderà le manifestazioni federiciane con centinaia di figuranti in costume d'epoca, si può fare una sosta al caffè letterario Al Kenisa, realizzato all'interno di una antica chiesa di cui conserva la struttura caratteristica, è possibile visitare il Duomo di Enna ed a poche centinaia di metri il sacrario dei caduti.

Settimana federiciana di Enna

Abiti medievali per la Settimana federiciana di Enna

Arrivati nel cuore della città, è possibile scoprirne i quartieri storici ed apprezzarne la laboriosità, come nel caso del mercato Sant'Antonio ‘A chiazza che con le sue botteghe di generi alimentari, prodotti tipici ed anche luoghi dove scoprire i sapori tipici dell'Ennese richiama l'atmosfera senza tempo. Chi ama lo street food questo sabato potrà per la Notte bianca federiciana, approfittare della trasformazione del centro storico e del quartiere ’A chiazza per assistere a spettacoli e degustazioni. Sempre sabato i giochi del palio si sposteranno nel cuore della città addobbato con gonfaloni, gonfaloni, bandiere, stemmi: in piazza Umberto I, alle 18.30 ci sarà la sfida finale tra gli 8 quartieri sfidanti U Pupulu, Sarbaturi, San Pitru, Funnurisi, Beddivirdi, S. Agustinu, A Chiazza, San Tumasi.

Settimana federiciana di Enna
La Settimana federiciana di Enna

Proseguendo la scoperta della città, prima di arrivare alla Torre di Federico, altro simbolo della città di recente arricchito da una suggestiva illuminazione artistica, c'è il quartiere di San Tommaso, con le sue storiche chiese, come quella delle anime sante. La Torre, da oggi ospita la mostra Svevo contemporaneo, artefatti di moda/pittura/graphic design a cura di Vittorio Ugo Vicari dell’Accademia delle Belle Arti di Catania. Altro luogo dalle caratteristiche medioevali da visitare, la porta di Janniscuro, ultima porta a difesa della città delle sei precedentemente esistenti.
Per gli appassionati di Stupor Mundi è imperdibile il Convegno Federico II: culture, tradizioni, immagini che inizierà il 10 maggio alle 15 alla Torre di Federico, e prosegue l'indomani all’Università Kore, con l’organizzazione scientifica dei docenti dell’ateneo ennese Pietro Colletta e Daniela Patti e di Fulvio Delle Donne dell’Università della Basilicata.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0