La rassegna

Le contaminazioni globali di España Circo Este danno il la a "Raizes"

Il 30 dicembre si apre la nuova edizione della rassegna di world music di Zo Centro per le culture contemporanee di Catania

La loro musica è latin, pop, punk, tango, cumbia, reggae che esplode dal vivo attraverso una ritmica potente. La band iberica aprirà l'edizione 2017-2018 di "Raizes", cartellone di world music che il Centro Zo diCatania organizza con l'associazione Darshan. Un cartellone che prevede altri 9 appuntamenti fino a maggio

España Circo Este

Gli España Circo Este apriranno Raizes al Centro Zo di Catania

Sabato 30 dicembre, alle ore 22, sul palco di Zō Centro Culture Contemporanee si esibiranno gli España Circo Este per il concerto di apertura della rassegna "Raizes", prodotta dall’Associazione Zo e dall’Associazione Darshan e sostenuta dal patrocinio e contributo della Regione Siciliana, Assessorato al Turismo Sport e Spettacolo e, per alcuni eventi, dall’Imaie.

In appena 5 anni di attività, sono più di 500 i concerti in Italia ed Europa degli España Circo Este - Marcelo (voce, chitarra),
Jimmy (batteria, percussioni), Ponz (basso, voce), Matteo (fisarmonica, violino) - gruppo che si presenta come una vera e propria carovana musical-circense dal sound unico e originale. La loro musica è latin, pop, punk, tango, cumbia, reggae che esplode dal vivo attraverso una ritmica potente.

Tutto ha inizio nel 2013 quando la band pubblica l’E.P. "Il Bucatesta", andato più volte in ristampa senza alcuna distribuzione e promozione ufficiale e con più di 100 concerti. "La Revolucion del'Amor", il loro primo LP, esce ad inizio 2015. In appena 18 mesi sono già ben 3 le ristampe del disco andate sold out, 120 concerti concerti in 6 diversi stati europei (Italia, Svizzera, Austria, Danimarca, Germania, e Repubblica Ceca), supporti ufficiali ad Artisti del calibro di Manu Chao, Gogol Bordello, Dubioza Kollektive e Shaggy ed apprezzate performance live in radio (Caterpillar Radio 2) ed in televisione (Serie TV “Tutto Può Succedere”, prima serata RAI 1).

Gli España Circo Este hanno calcato i palchi più ambiti d’Italia e partecipato alla colonna sonora di una delle più apprezzate web serie italiane del 2013, “Days”, diretta e prodotta da Flavio Parenti. Il loro nuovo album, "Scienze della Maleducazione", è uscito in Italia il 20 gennaio scorso per Garrincha Dischi e distribuito in licenza anche in Spagna, Portogallo, Francia, Germania, Austria e Svizzera.

Ingresso euro 8.

Raizes è una rassegna di world music in cui elementi di musica popolare e tradizionale si contaminano con "tutta la musica del mondo", intesa come un tessuto continuo di esperienze correlate e componibili. La manifestazione vuole diffondere la conoscenza delle culture musicali e per questo cerca di "dar voce" ai popoli e alle loro culture, evidenziando il loro patrimonio culturale. La programmazione accoglie stili, generi e repertori che difficilmente possono rientrare in una griglia tassonomica predeterminata, ospitando, allo stesso tempo, operazioni più filologiche ed etno-folkloriche ed altre più contaminate ed eclettiche.  Superando i confini terminologici e geografici, la world music di Raizes si apre così a una sostanziale "globalizzazione" della musica mantenendo al tempo stesso l’autenticità e la peculiarità delle diverse tradizioni musicali dei popoli. La manifestazione è prodotta dall’Associazione Zo e dall’Associazione Darshan e viene sostenuta dal patrocinio e contributo della Regione Siciliana, Assessorato al Turismo Sport e Spettacolo e per alcuni eventi dall’ Imaie.

Dopo il concerto di apertura del 30 dicembre con gli España Circo Este, questi gli altri concerti della rassegna: giovedì 25 gennaioFanfara Station, un progetto in trio con looping dal vivo che fonde la forza di un’orchestra di fiati, l’elettronica e i ritmi e i canti del Maghreb; sabato 27 gennaio, il Canzoniere Greanico Salentino, il più importante gruppo di musica popolare italiano, il primo ad essersi formato in Puglia, che reinterpreta in chiave moderna le tradizioni della celebre pizzica tarantata(apriranno il concerto "I Beddi"); venerdì 16 febbraio sarà la volta di Marco Selvaggio, l'artista catanese suonatore di hang che presenterà “Aether”, il suo secondo lavoro, un album etereo, mistico e innovativo; venerdì 9 marzo Arenaria, il progetto musicale e discografico nato da un'idea del componente del gruppo Agricantus, Mario Crispi, porta sul palco “Maeream”, nuovo album del gruppo; sabato 17 marzo, in occasione del San Patrick Day, la violoncellista e cantante irlandese Naomi Berrill presenta il suo secondo album “To the Sky”; giovedì 29 marzo, sarà la volta di Harpet Rising, tre musiciste di formazione classica che suonano musica originale, arrangiata in modo articolato come un quartetto d'archi; giovedì 5 aprile un tuffo in Brasile con Yaraka, progetto che propone un percorso radicato nella tradizione popolare brasiliana con la rivisitazione di autori tradizionali e contemporanei; venerdì 20 aprile, arriva sul palco di Zo The Sweet Life Society, la band torinese pioniera dell’electro-swing italiano che si ripropone con un sound rinnovato con il nuovo album “Antique Beats”; infine, venerdì 4 maggio la violinista e cantante dell'Estonia settentrionale Maarja Nuut chiude la rassegna Raizes con la sua musica in cui il minimalismo e i suoni sperimentali incontrano tradizioni musicali ancestrali.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0