Musica

Palermo e Noto danno il "la" alla Festa della musica

Il capoluogo siciliano, in quanto capitale italiana della cultura, sarà sede della manifestazione nazionale del 21 giugno. Importante anteprima il 16 giugno con "1000 Giovani per la Festa della Musica di Palermo”. Noto replica con masterclass e live di Mario Incudine

Oltre "1000 Giovani per la Festa della Musica di Palermo”, Noto comincia giorno 11 giugno e termina il 16 e il 17 giugno con la masterclass e il concerto sul canto popolare di Mario Incudine e Antonio Vasta

Simone Trabucchi

Simone Trabucchi in arte Still, sarà tra i gruppo di punta di 1000 Giovani per la Festa della Musica di Palermo

Ricco il programma delle Feste della musica in Sicilia. Piazza centrale ovviamente Palermo in quanto città Capitale della cultura italiana 2018 che ospiterà la festa nazionale.

Palermo

Dopo le pregresse esperienze positive del 2016 e 2017 di Mantova e Pistoia, nell'anno che la vede Capitale Italiana della Cultura, sarà Palermo ad ospitare i "1000 Giovani per la Festa della Musica di Palermo”, anteprima della Giornata della Musica Europea in programma in tutta Italia il 21 giugno.

Si tratta di una grande kermesse organizzata fin dal primo anno dal MEI - Meeting delle Etichette Indipendenti, quest'anno in collaborazione con Comune Palermo, Coordinamento Palermo Capitale Culturale d'Italia e Manifesta 12 Biennale d'Arte Contemporanea; con il sostegno di MiBACT, Siae, Associazione Italiana per la Promozione della Festa della Musica; e con la partnership di Carrefour, Telesia, Poste Italiane e Grandi Stazioni.
La giornata del 16 giugno sarà piena di colori e di note. Un aperitivo perfetto in attesa del grande appuntamento col solstizio d'estate che quest'anno sarà ricco di sorprese.

A fare da testimonial ai giovani e giovanissimi musicisti ci saranno esperienze artistiche importanti e di grande rilievo come Still in Piazza Magione, il nuovo progetto di Simone Trabucchi tra dub, dancehall e sperimentazione, mentre in Piazza Tarzanà troviamo Agricantus che presenterà il nuovo disco Akoustikous, e Bussoletti con l'album nuovo "Peso Piuma". 

Agricantus

Agricantus

In Piazza San Domenico sarà dato spazio ai cantautori con Edoardo De Angelis all’attivo con l’album apprezzatissimo dalla critica "Nuove Canzoni", mentre alla Stazione Ferroviaria di Palermo ci sarà Alberto Pizzo, ritenuto l'erede di Luis Bacalov dalla critica musicale, che terrà banco con un live solo pianoforte. Tra le tante realtà che hanno aderito all’Anteprima della Festa della Musica anche l'evento speciale dell'Inaugurazione del Murale che si terrà presso l’Eco Museo del Mare a cura di Associazione Punta Comune e Associazione Distretto A, con il supporto di Federalberghi di Palermo (partner di tutto l'evento).

Sono diversi i locali di Palermo che animeranno la città nella giornata del 16 giugno: dal Rizzo Manufacture al Covo del Garaffello, dal Cantavespri Vini & Vinili fino al Rocketbar. 

Il momento centrale della giornata dei 1000 Giovani per la Festa della Musica di Palermo sarà l'Open Act di Manifesta 12 sul palco di Piazza Magione, dove si alterneranno gli interventi del Sindaco Leoluca Orlando, dell'Assessore alla Cultura Andrea Cusumano, del Direttore di Manifesta e dei rappresentanti e organizzatori del Mibact per la Festa della Musica. Si avranno inoltre come protagoniste le grandi voci di Shael Opera, prima del grande live di Still.
La giornata partirà dalle ore 16 con la musica dal vivo nei diversi punti e club della città fino a tarda sera. In Piazza Tarzanà con Agricantus e Bussoletti, in un'area sospesa tra pop-rock e etno-folk, ci saranno Davide Campisi, Fys, Bye Bye Japan, Flac, Libero, Giusy Schiliro', C.S.S. Original Sound, Salvatore Maria, Mediterraneo Guitar Ensemble, Gispye Etno World; e il nuovo cantautorato italiano emergente con Alice Caioli e Tommaso Di Giulio.

Davide Campisi

Davide Campisi

Mentre in Piazza San Domenico con Edoardo De Angelis ci saranno i cantautori emergenti Giulia Mei e Pupi di Surfaro insieme a Stefania Schifano, Geronimo e i Fiori del Bene, Andrea Giore', Rosita D'Accardi, Marco Dentici, Ilenia Ignazzitto, Danilo Ruggero, Simona Pinto, Maria Elena di Prima, Manuel Bellone, Rough Enough, Gallo Sottile e Ermanno Seggio. Mentre alla Stazione Fs di Palermo insieme ad Alberto Pizzo ci saranno l'Orchestra della Bottega delle Percussioni e i Colori del Musical e gli Ensemble di Ottoni Pesanti e di Mandolini del Conservatorio Bellini di Palermo.

Giulia Mei

Giulia Mei

Un ricchissimo programma poi si snoderà' nei club della città: tra gli altri al Covo del Garraffello ci saranno Karma Tea, Mass Appeal, Hottanta Music Band, Monterosso, The Groove Lines, Yes/se:f. Mentre al Rizzo Manufacture Studio Records toccherà a Jero, Dinastia & Gli Ultimi, Il Suonom di Bille Outside e al Rocketbar tocchera' a Niggaradio, Pentothal, Jai Ho e Mai col Germania e infine Cantavespri Vini & Vinile sta preparando alcune grosse sorprese. 

Hanno aderito ai “1000 Giovani della Festa della Musica di Palermo” L'AltopArlAnte, il circuito della Rete dei Festival, le indies di AudioCoop, gli artisti di AIA, i distributori di strumenti musicali europei del Cafim, il circuito di oltre 100 radio di Classic Rock On Air del giornalista Renato Marengo e le riviste mensili di musica Classic Rock, Vinile e Prog.

Noto

Teatro, danza e, ovviamente, tanta musica, con la partecipazione, tra gli altri, di Mario Incudine e Antonio Vasta. L’edizione 2018 della Festa della Musica è ormai alle porte e anche quest’anno rappresenterà un momento dedicato ai giovani e in particolare a quelli che si dedicano ad attività artistiche, culturali e musicali. Organizzata dall’assessorato alle Politiche giovanili in collaborazione con quello al Turismo, il programma prevede 7 giorni intensi di appuntamenti che cominceranno già lunedì 11 giugno al teatro Tina Di Lorenzo con le masterclass di danza coi maestri Victor Litvinov ed Eugenio Buratti curate dalla scuola di danza Choeria. Giovedì 14, invece, il cortile del Convitto delle Arti ospiterà il concerto “Tributo a Fabrizio De André” della formazione vocale “Canto in Coro” di Pachino. Venerdì 15 in piazza Municipio è prevista l’esibizione conclusiva delle masterclass di danza. Sabato 16 al teatro Tina Di Lorenzo si aprirà un’altra masterclass, quella curata dalla cooperativa Cuore di Argante e dedicata alla musica e alla poesia, dal titolo “Cunti e canto popolare” con Mario Incudine e Antonio Vasta. Domenica 17 giornata conclusiva con un’estemporanea di pittura dal titolo “Botta di Arte”, organizzata dall’associazione Petali d’Arte di Noto. Poi spazio alla musica: alle 19 è in programma il concerto dell’orchestra e coro “Musicainsieme a Librino” con il maestro Vito Imperato. Alle 21, invece, toccherà a Mario Incudine e Antonio Vasta chiudere l’edizione 2018 della Festa della Musica con un concerto partecipato “Cuntu e canto popolare” a cui parteciperà anche l’orchestra di fiati dell’Istituzione Musicale Città di Noto. 

Mario Incudine e Antonio Vasta

Mario Incudine e Antonio Vasta

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0