La rassegna

I tre volti della Camerata Polifonica Siciliana

Classica, folk e swing con la HJO Jazz Orchestra sono le tre anime del nuovo cartellone dell’associazione concertistica catanese per la stagione 2019 di "Un palcoscenico per la città", in sinergia col Bellini. Al via il 13 gennaio con la Piccola orchestra popolare Panzillo

Dall’epoca avanti Cristo alla tradizione partenopea, dalle animazioni marionettistiche della Bottega di Cartura al musical, scorrendo attraverso un accattivante swing che si esprimerà persino nei cartoni animati e nelle colonne sonore. Nove gli appuntamenti in calendario, che avranno luogo tra il Museo Diocesano e il Teatro Sangiorgi, dal 13 gennaio al 14 giugno

La piccola orchestra popolare C.O. Panzillo

La piccola orchestra popolare C. O. Panzillo

Dall’epoca avanti Cristo alla tradizione partenopea, dalle animazioni marionettistiche della Bottega di Cartura al musical, scorrendo attraverso un accattivante swing che si esprimerà persino nei cartoni animati e nelle colonne sonore. La stagione 2019 della Camerata Polifonica Siciliana per il cartellone Un palcoscenico per la città promosso insieme col Teatro Massimo Bellini di Catania si profila un cartellone per tutti i gusti. Nove gli appuntamenti in calendario, che avranno luogo tra il Museo Diocesano e il Teatro Sangiorgi, dal 13 gennaio al 14 giugno, mettendo in campo le singolari scelte del direttore artistico dell’associazione Giovanni Ferrauto, a fianco del presidente Aldo Mattina.

«Rarità e delicatessen caratterizzano la nuova stagione, con la cifra comune dello stimolo alla curiosità di un pubblico che, ahimè, è sempre più difficile da interessare a causa dell’inflazionarsi e del deteriorarsi dell’offerta culturale e pseudotale» afferma Ferrauto, sottolineando la «grande operazione di recupero ed educazione del pubblico, fuorviato sempre più dall’incremento della cultura del cattivo gusto e dello sberleffo della banalità che da un lato gratifica una fruizione passiva, dall’altro emargina tutto ciò che richiede invece un impegno attivo da parte del fruitore. Tale problema è particolarmente riscontrabile nelle fasce giovanili».

Ecco allora una stagione da gustare per grandi e piccini, che si avvia domenica 13 gennaio, alle 19.30, unico appuntamento al Museo Diocesano vista la momentanea indisponibilità del Teatro Sangiorgi, con 55: la musica, uno spettacolo di canti e balli popolari napoletani della Piccola Orchestra popolare C. O. Panzillo, con Nuccia Paolillo, voce, Paolo Castellitto, violino, Alessandra Marino, flauti, Massimiliano D’Alessandro, mandolino, Bruno Paura, chitarre, Luca Di Muzio, contrabbasso, Simone Cretella, tamburi.

Seguirà l’8 febbraio il primo dei tre appuntamenti serali della sezione swing chiamata HJO Jazz Fridays, novità assoluta con l’HJO Jazz Orchestra, diretta da Sebastiano Benvenuto Ramaci: Classic in swing prevede le più belle pagine della classica rivisitate in chiave swing. I venerdì jazz con l’HJO proseguono il 3 maggio con Latin& Funk da Tito Puente a Jaco Pastorius seguito il 14 giugno dallo spettacolo di chiusura Cartoon and movie in swing che vede tale genere alla ribalta anche sul versante cinematografico e tra i disegni animati per la gioia dei più piccoli.
Il tributo a Ella Fitgerald dell’orchestra, ospite la cantante Rosalba Bentivoglio, previsto in un primo momento per il 18 gennaio, è stato rinviato a data da destinarsi a causa dell’indisponibilità del Sangiorgi.

HJO Jazz Orchestra

Il teatro di via Sangiuliano dovrebbe essere disponibile a partire dallo spettacolo, in prima assoluta, del 17 febbraio, Voci Melologo dall’Encomio di Elena di Gorgia su testi di Gorgia da Leontini e musica di Giovanni Ferrauto, con la voce recitante di Emanuele Puglia e la regìa di Donatella Capraro.

Il 7 aprile l’Ensemble di percussioni Officina del Ritmo mette in scena il musical West side story di Leonard Bernstein, in una versione per soprano, tenore, due pianoforti e percussioni con le voci di Ann-Mari Alexis e Marco Montagna, e gli affermati pianisti catanesi Graziella Concas e Roberto Carnevale.

Graziella Concas

La pianista Graziella Concas

Il 26 maggio si esibirà l’ensemble regionale FE.BA.SI., diretto da Alfio Zito e Salvatore Tiralongo, suonerà il concerto L’orchestra di fiati nel XX secolo.

Per il pubblico di ogni età il 9 giugno il palco del Sangiorgi ospiterà l’opera per marionette El retablo de maese Pedro (Il teatrino ambulante di mastro Pietro), adattamento musicale e scenico, a cura della bottega Cartura, di un episodio tratto dal secondo libro del “Don Chisciotte” di Cervantes. L’opera è stata composta nel 1922 dallo spagnolo Manuel De Falla per tre voci soliste e un’orchestra di venticinque elementi, in un clima di spiccata inventiva che abbina realtà e fantasia. Lo spettacolo di Cartura è incentrato sul tema “Maschere e Burattini”.

annaritafontana@virgilio.it

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0