Classica

Florilegi sonori della Scam, è il momento dei talenti

La stagione 2019 della Società catanese amici della musica prosegue il suo ricco calendario tra musica pianistica, ensemble di musica da camera e conferenze musicologiche . A cominciare dal concerto, in calendario il 20 gennaio del 18enne pianista catanese Nicolò Cafaro

La Società catanese amici della musica, sotto la presidenza di Tony Maugeri e la direzione artistica di Anna Rita Fontana, prosegue il suo ricco calendario 2018-2019 all’insegna del classico, con qualche punta di modernità

Nicolò Cafaro

Il 18enne pianista catanese Nicolò Cafaro

Florilegi sonori, la stagione della Società catanese amici della musica, sotto la presidenza di Tony Maugeri e la direzione artistica di Anna Rita Fontana, prosegue il suo ricco calendario all’insegna del classico, con qualche punta di modernità. Ed ecco un interessante ventaglio di proposte a partire da gennaio, tra musica pianistica, ensemble di musica da camera e conferenze musicologiche, distribuite sino a marzo tra l’Hotel Nettuno e il Katane Palace Hotel di Catania.
Proprio quest’ultima location accoglierà nella Sala Meeting domenica 20 gennaio, alle 18, in collaborazione col Kiwanis Catania Centro, presidente Giovambattista Vecchio, il talentuoso pianista catanese Nicolò Cafaro, allievo di spicco della professoressa Graziella Concas all’Istituto Musicale “Vincenzo Bellini”. Il diciottenne Cafaro, che ha al suo attivo oltre 30 recital e concerti per pianoforte e orchestra, si è già classificato vincitore assoluto in prestigiose competition in Italia e all’estero, al Concorso nazionale “Giulio Rospigliosi” di Lamporecchio (a soli 12 anni) e al Concorso pianistico internazionale di esecuzione musicale “Giovani musicisti - Città di Treviso”. Inoltre è abbastanza recente la sua ammissione alle finali 2019 del 62° Concorso pianistico internazionale “Ferruccio Busoni” dopo aver superato, insieme a ventisette candidati su cento partecipanti, le preselezioni del prestigioso concorso pianistico svoltesi a Bolzano lo scorso agosto. Il giovane pianista, che frequenta attualmente l’Accademia pianistica internazionale di Imola “Incontri col maestro”, nella classe di Leonid Margarius, si esibirà con un programma intrigante che comprende, nella prima parte, la Sonata op.81 a di Ludwig van Beethoven e la Sonatina Seconda di Ferruccio Busoni; mentre la seconda parte si avvia dal repertorio di Fryderyk Chopin, col Cantabile in si e la Sonata in si bemolle minore op. 35 n. 2 a cui faranno seguito due Preludi di Claude Debussy, Les collines d’Anacapri e Feux d’artifice, tratti rispettivamente dal primo e secondo libro del musicista francese.

A seguire, altre due manifestazioni sempre in collaborazione col Kiwanis Club Catania Centro: la prima sabato 23 febbraio, alle 17.30 (con mezz’ora di anticipo rispetto all’orario usuale) all’hotel Nettuno, dal titolo Musicinema, col Concerto Camera Ensemble, formazione composta da cinque musicisti quali Giovanni Anastasio violino, Rosaria Milici viola, Giulia Strano violoncello, Claudio Spoto oboe, Alessandro Strano pianoforte e arrangiamento, i quali proporranno colonne sonore in attinenza alla cinematografia siciliana, tra musiche di Ennio Morricone (Nuovo cinema Paradiso, Baarìa) e Paolo Buonvino (La matassa) oltre a brani celebri come il Valzer da Il gattopardo.

La seconda manifestazione, domenica 24 marzo, al Katane Palace Hotel, prevede invece un altro talento pianistico siciliano, ovvero il pianista ventunenne Ruben Micieli (nato a Ragusa e residente a Comiso) che eseguirà, tra l’altro, la Sonata op. 101 di Beethoven e la Fantasia op. 28 di SKrjabin. Allievo brillante del Maestro Giovanni Cultrera sin dall’età di nove anni e attualmente sotto la scuola di Perfezionamento pianistico del M° Aquiles Delle Vigne all’Accademia del Ridotto nel sud della Lombardia (dopo aver concluso a febbraio del 2018, col massimo dei voti, l’Academia Internacional de Musica Aquiles Delle Vigne) il pianista, grazie alle sue perspicaci doti musicali si è piazzato brillantemente in oltre 40 concorsi nazionali e internazionali e di recente si è classificato vincitore del 2° premio e del Premio come migliore interpretazione della Sonata in si minore di Franz Liszt al 9th international Franz Liszt Piano Competition Weimar- Bayreuth 2018. A coronare tale riconoscimento la sua esibizione a fianco della StaatsKapelle di Weimar, un’orchestra eccellente che lo ha molto gratificato. Il costo del biglietto d’ingresso è 8 euro intero, 5 euro ridotto.

Ruben Micieli

Ruben Micieli con l'Orchestra StaatsKapelle di Weimar

Riccardo Viagrande

Riccardo Viagrande

Sempre a marzo, sabato 9 alle 18, nella sala Minerva dell’hotel Nettuno, si terrà una conferenza musicologica sul tema “Casta diva. Il teatro musicale in Europa dall’età rossiniana alla seconda metà dell’Ottocento”, titolo di una recente pubblicazione del professore Riccardo Viagrande (docente di lettere al Liceo) i cui relatori saranno lo stesso autore e il professore Giovanni Pasqualino, direttore di Bellini news, giornale on line di musica, spettacolo e cultura.

vivere@viveregiovani.it

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0