L'evento

ViniMilo, ancora un calice ad alta quota

Ultimi quattro giorni della tradizionale festa pre-vendemmia che fino a domenica 9 settembre propone musica, cene gourmet e vini in degustazione. Secondo week end in piazza con l’Isola del gusto e un arcipelago di sapori del territorio e presìdi Slow Food

La tradizionale festa pre-vendemmia che il Comune di Milo organizza da 38 anni torna ogni fine estate come allettante preludio alle meraviglie dell’autunno in arrivo. Fino a domenica 9 settembre protagonisti della festa sono i vini del vulcano: centinaia di etichette di bianchi, rossi, rosati Etna Doc e quel Bianco Superiore Doc ottenuto da uve carricante ed esclusiva dei vigneti di Milo

ViniMilo 2018

ViniMilo è certamente il posto migliore per un brindisi fra amici

Ultimi quattro giorni per immergersi nell’atmosfera gioiosa, squisitamente genuina – e gradevolmente “alcolica” (ça va sans dire) - di ViniMilo2018, la tradizionale festa pre-vendemmia che il Comune di Milo organizza da 38 anni e che torna ogni fine estate come allettante preludio alle meraviglie dell’autunno in arrivo: l’uva, il rito della raccolta e la pigiatura nei palmenti, le prime piogge e il profumo delle pinete, le prime colonie di funghi porcini all’ombra delle querce, le dolcissime mele dell’Etna, noci, nocciole e castagne da raccogliere passeggiando nei boschi. Fino a domenica 9 settembre protagonisti della festa – che affianca due weekend in piazza con l’Isola del gusto e un arcipelago di sapori del territorio e presìdi Slow Food a convegni, degustazioni e cene gourmet nelle migliori cantine della zona durante la settimana – sono i vini del vulcano: centinaia di etichette di bianchi, rossi, rosati Etna Doc e quel Bianco Superiore Doc ottenuto da uve carricante ed esclusiva dei vigneti di Milo.

ViniMilo 2018

Ecco gli ultimi eventi: il 6 settembre (ore 19, Centro Servizi), degustazione di grandi bianchi a cura dell’azienda Benanti con etichette da Friuli, Marche Francia e dell’Etna; il 7 settembre (ore 16 Centro Servizi) un percorso “amarcord” guidato dall’enologo dell’Etna per antonomasia, Salvo Foti, con una selezione di etichette annata 2008; in serata, da Barone di Villagrande, viaggio nella cucina popolare di sei regioni “vulcaniche” - Veneto, Toscana, Umbria, Lazio, Campania e Sicilia – degustando i vini dei singoli territori. Sabato 8 settembre (dalle 18 a mezzanotte) e domenica 9 settembre (dalle 10 a mezzanotte) Milo apre le sue piazze e i suoi vicoli con enoteca, presidi Slow Food, cucina del territorio, mercatino bio, artigiani e dolci di casa. Domenica mattina, alle 9, trekking con le guide del CAI lungo il Sentiero delle Ginestre; sempre sabato, alle 19, il giornalista Fabrizio Carrera presenta la terza edizione della “Guida dei vini dell’Etna”, piccola e articolata enciclopedia per scoprire tutte le produzioni d’eccellenza sul vulcano patrimonio Unesco. Dalle 21 musica live nelle varie piazze: jazz, etnica e cover band. Alle 20.30 (Centro Servizi) l’Associazione Italiana Sommelier guida la degustazione di una ricca selezione di vini dei consorzi Soave, Durello, Etna, Vesuvio, Campi Flegrei, Pitigliano (Sassotondo), Colli euganei, Frascati, Orvieto, Gambellara e Pantelleria. Tre gli appuntamenti della domenica: al mattino il convegno sui 50 anni dell’Etna Doc; alle 20 la Fondazione Italiana Sommelier l’enologo Emiliano Falsini per un affascinante viaggio in Sicilia in “punta di calice” dall’Etna fino all’Alta Valle dello Jato passando per il Cerasuolo di Vittoria, il Faro e il nisseno; in contemporanea nel Museo Virtuale la fiduciaria etnea di Slow Food, Anastasia De Luca con i giovani produttori siciliani indagheranno il presente e il futuro del vino nel terzo millennio. Informazioni sui costi e prenotazioni e acquisto ticket anche online (con rilascio di QR Code) dal sito www.vinimilo.it

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0