Giornalismo

La catanese Sabrina Redi vince il premio Mario Petrina

Con un articolo dedicato alla sfortunata carriera del fondista di atletica palermitano Salvatore Antibo, la 27enne aspirante cronista etnea si aggiudica il riconoscimento voluto dal Gruppo giornalisti pensionati della Sicilia e dall’Unione nazionale giornalisti pensionati

La partecipazione era riservata a giovani appassionati di giornalismo sportivo di età compresa tra i 18 e i 30 anni non ancora iscritti all’Albo professionale. la premiazione il 27 marzo a Palermo

Sabrina Redi

Sabrina Redi, vincitrice della prima edizione del premio giornalistico Mario Petrina

Sabrina Redi, 27 anni, catanese è la prima vincitrice del premio che i giornalisti pensionati italiani e siciliani hanno dedicato a Mario Petrina. È stata scelta tra 29 candidati che hanno voluto partecipare alla selezione per il premio. La Redi ha scritto un articolo dedicato alla sfortunata carriera del fondista di atletica palermitano Salvatore Antibo.

Totò AntiboTotò Antibo

La partecipazione era riservata a giovani appassionati di giornalismo sportivo di età compresa tra i 18 e i 30 anni non ancora iscritti all’Albo professionale. In 29 hanno risposto con entusiasmo all’iniziativa promossa dal Gruppo giornalisti pensionati della Sicilia e dall’Unione nazionale giornalisti pensionati. La Commissione, composta dai colleghi Guido Bossa, presidente dell’Ungp, da Michela Petrina, figlia del compianto ex presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti, e da Luigi Tripisciano, segretario del Gruppo giornalisti pensionati della Sicilia, ha valutato positivamente tutti i testi proposti, apprezzandone l’originalità e i contenuti.

Mario PetrinaMario Petrina

Dopo la lettura dei testi e un’approfondita discussione, la Commissione ha deciso di assegnare il “Premio Mario Petrina” per l’anno 2018 alla giovane Sabrina Redi, 27 anni di Catania, per l’articolo intitolato: “Corri Totò, fallo ancora nonostante tutto”, sulla figura di Salvatore Antibo, medaglia d’argento nei 10000 metri alle Olimpiadi di Seul 1988, vincitore dei 5000 e dei 10000 metri agli europei di Spalato 1990 e tuttora detentore del primato italiano sulle due distanze, colpito da attacco epilettico mentre partecipava a una gara delle finali di Tokyo 1991. Il pathos dell’atleta ha ispirato la giovane Sabrina Redi a raccontare con passione e partecipazione l’avventura sportiva e umana di Salvatore Antibo, campione sfortunato.
La Commissione ha anche deciso di segnalare gli articoli di Giovanni Mattia, 24 anni di Caltagirone: “La pallanuoto cloro della Sicilia”, e di Giovanni Sofia, 27 anni di Messina: “La stella di Giovanni Corrieri illumina Parigi”.
La premiazione della vincitrice della prima edizione del “Premio Mario Petrina” avverrà il prossimo 27 marzo preso la sede dell’Ordine regionale dei giornalisti di Sicilia in via Gian Lorenzo Bernini 52-54 a Palermo. Saranno invitati i presidenti degli enti di categoria, Ordine nazionale, Federazione della Stampa, Casagit, nei quali Mario Petrina ha svolto a lungo funzioni dirigenti.
Alla manifestazione parteciperà il Comitato esecutivo nazionale dell’Ungp.

Leggi l'articolo di Sabrina Redi

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0