La "buona" Sicilia

Con Medinfood a Vittoria si celebra la Sicilia del gusto

Per tre giorni, da sabato 19 a lunedì 21 maggio, la città iblea ospita il salone che condurrà i visitatori attraverso i sentieri dell’agroalimentare e dell’enogastronomia di qualità e d’eccellenza. A fare gli onori di casa il vino Cerasuolo Docg

In programma da sabato 19 a lunedì 21 maggio al Polo fieristico, Medinfood, salone del gusto siciliano tra cooking show, tasting room del vino, degustazioni e masterclass, è l’occasione per “assaporare” quella Sicilia del gusto, che si sta sempre più ritagliando importanti fette di mercato. E prima di reimmeggersi tra i sapori e i profumi del Medinfood, vale una visita il centro storico di Vittoria, lasciandosi catturare dalla sua storia e dalla sua arte

Piazza del Popolo a Vittoria

Piazza del popolo a Vittoria

L’unico modo per resistere alle tentazioni, è cedervi. La citazione è di Oscar Wilde, fatta pronunciare al suo Dorian Gray, celeberrimo esteta del suo più famoso romanzo. Ebbene, tenetela a mente quando arriverete a Vittoria, città degli Iblei con lo sguardo puntato verso il verdeggiante polmone della Valle dell’Ippari e situata a pochi chilometri dalla costa, ovvero a due passi da un azzurrissimo Mare Nostrum. È proprio qui, in questa città il cui cuore urbano è caratterizzato dallo stile liberty rintracciabile nelle facciate delle sue antiche dimore e nelle forme di particolari architetture ispirate all’Art decò di primo Novecento, che il Medinfood accoglierà i visitatori per un’esperienza dei sensi.

In programma da sabato 19 a lunedì 21 maggio al Polo fieristico di Vittoria (ingresso da Porta Garibaldi), il Salone del Gusto Siciliano - che porta la doppia firma della Società Mercati e del Comune di Vittoria -, l’evento condurrà il pubblico per tre giorni verso i “profumati” sentieri dell’agroalimentare e dell’enogastronomia di qualità e d’eccellenza, tutta rigorosamente made in Sicily. Tra cooking show, tasting room del vino, degustazioni e masterclass, Medinfood è l’occasione per “assaporare” quella Sicilia del gusto, espressione della tipicità produttive del food&beverage, che grazie a un collaudato sistema di export nazionale e internazionale si sta sempre più ritagliando importanti fette di mercato.

Medinfood

La scorsa edizione del Medinfood

Ospiti d’eccezione, chiamati a ragionare sul nuovo esprit imprenditoriale dell’agroalimentare siciliano, i giornalisti enogastronomici Gioacchino Bonsignore, volto noto del Tg5 per cui cura la rubrica Gusto, che sarà presente nella giornata inaugurale, e Paolo Massobrio de il Golosario, che presenzierà domenica. Una Sicilia del gusto anche da assaporare, grazie alle pietanze preparate in estemporanea dagli chef della Federazione Italiana Cuochi e della Nazionale Italiana Cuochi che porteranno a Vittoria Michelangelo Sparapano (volto de La prova del Cuoco), Vito Amato, Davide Giambruno, Graziano Patané e Andrea Del Villano.

Uva Cerasuolo di Vittoria

Uva Cerasuolo a Vittoria

Immancabile la combine dei piatti con il Cerasuolo di Vittoria Docg: al rosso, espressione del terroir vinicolo di un’area di produzione che si estende sino a Caltagirone, il compito di esaltare i sapori dei prodotti agroalimentari trasformati nelle cucine di Medinfood. Grandi cerimonieri del vino saranno il Consorzio di Tutela del Cerasuolo di Vittoria e la Strada del Vino Cerasuolo di Vittoria. In occasione del Medinfood i winelovers potranno inoltrarsi nelle contrade di campagna per andare alla scoperta delle cantine di storiche aziende dedite alla produzione del prezioso Cerasuolo. Troveranno pronti ad accoglierli i vigneron vittoriesi che hanno saputo ridare respiro, anche internazionale, ad un vino corposo e generoso, figlio della fortunata unione del Nero d’Avola con il Frappato, entrambi vitigni rigorosamente autoctoni.

E prima di reimmeggersi tra i sapori e i profumi del Medinfood, vale una visita il centro storico di Vittoria. Lasciatevi catturare dalla sua storia e dalla sua arte, dal suo liberty quanto dal gusto ottocentesco e neoclassico del teatro Vittoria Colonna, autentico scrigno d’arte. Andate a curiosare dentro il “bianchissimo” Chiostro dei Frati Minori, riadattato a moderno open space culturale, e soprattutto non esitate a visitare le numerose chiese che ritroverete durante il vostro itinerario, che vi daranno l’impressione di trovarvi dentro un museo d’arte. Per un attimo, giunti davanti a palazzo Traina, potreste sentirvi a Venezia, merito del suo stile eclettico e del loggione che riproduce armoniosamente, ma in più piccole dimensioni, quello di palazzo Ducale. A ricordarvi che siete al Sud della Sicilia, ci penseranno il sole e i grappoli d’uva che decorano le colonne del porticato.

daniela.citino@tiscali.it

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0