Mete d'estate

Portopalo di Capo Passero la terrazza dei due mari più a sud di Tunisi

Il borgo marinaro del Siracusano, punta estrema a sud della “terraferma” siciliana, si conferma una delle mete più gettonate del turismo d’estate ma anche terra di pensiero a confronto grazie al premio "Più a sud di Tunisi" che torna da venerdì 3 a domenica 5 agosto

L’estate turistica sta facendo registrare un andamento molto positivo nell'estremo lembo sudorientale della Sicilia, diviso tra mar Ionio e mar Mediterraneo, ricco di storia e bellezze naturalistiche. per la categoria giornalismo il premio Più a sud di Tunisi va ad Andrea Lodato, vice caporedattore del quotidiano La Sicilia

Portopalo di Capo passero, isola di Capo Passero

L'Isola di Capo Passero domina il golfo di Scalo madrie a Portopalo di Capo Passero

L’estate turistica sta facendo registrare un andamento molto positivo a Portopalo di Capo Passero, estremo lembo sudorientale della Sicilia ricco di storia e bellezze naturalistiche. Il week end in estate è lungo, comincia il giovedì e si conclude il lunedì, trovare un posto libero per pernottare o mangiare è impresa titanica. Molto gettonate da bagnanti e turisti è la spiaggia di Scalo Mandrie, a ridosso della piazza Terrazza dei due mari. Sullo sfondo, quasi a fare da cornice, l’Isola di Capo Passero, raggiungibile percorrendo un breve tratto in barca. Posto che offre sia la parte sabbiosa sia la scogliera.
Il golfo di Scalo Mandrie è mare che in passato è stato teatro di epici scontri. Come quello dell’11 agosto di tre secoli fa vide fronteggiarsi la flotta spagnola, guidata dal viceammiraglio Don Antonio de Gastaneta e dal contrammiraglio Don Fernando Chacon, e quella inglese agli ordini dell'ammiraglio George Byng, primo visconte di Torrington. Il tratto di mare di Capo Passero vide anche lo scontro tra le imbarcazioni corsare, agli ordini di Ucciali “il rinnegato”, l’eroe musulmano della battaglia di Lepanto del 1571, terrore del Mediterraneo ma che a Capo Passero fu costretto a battere in ritirata e riparare nei pressi di Avola.

Nei fondali antistanti l’Isola si trova anche la statua del Cristo degli Abissi, diventato uno dei punti più gettonati dai subacquei intenti ad ammirare le grotte sottomarine e gli anfratti che compongono l’ecosistema di questo angolo di Trinacria che nel 1959 fu evidenziato da Pier Paolo Pasolini in un reportage che realizzò per il periodico “Successo”: “Arrivo a Portopalo, la gente è tutta fuori ed è la più bella gente d’Italia, – scrisse Pasolini – elegante, forte e dolce. Sbarchiamo sull’isolotto, sotto la torre, e già quasi nell’ombra tenerissima, odorosissima della notte, faccio il bagno nella più lontana spiaggia d’Italia”.

La torre citata da Pasolini è la fortezza dell’Isola di Capo Passero, risalente al 1611, abbandonata da tempo: un monumento alle occasioni perdute di questo territorio. Scalo Mandrie, da quest’anno, è anche spiaggia a misura di disabile: l’Amministrazione comunale ha infatti attivato la scaletta di accesso e altri servizi riservati ai soggetti diversamente abili. Novità che hanno permesso all’arenile portopalese di entrare nelle spiagge più complete. Sull’altro versante costiero, quello comprendente l’Isola delle Correnti, c’è l’imbarazzo della scelta, data l’estensione delle spiagge. La costa si snoda in una lunghissima distesa di sabbia, paradiso anche dei surfisti, trattandosi di uno dei punti più ventosi d’Italia. La sera, nella miriade di locali disseminati nel territorio, è possibile cenare a base di pesce.

Isola della correnti Portopalo di Capo passero

Mar Ionio e Mar Mediterraneo si incontrano all'Isola delle Correnti


Da venerdì 3 a domenica 5 agosto c’è anche la possibilità di assistere ad eventi culturali di rilievo nazionale con il Premio più a sud di Tunisi, manifestazione giunta alla tredicesima edizione, che si tiene negli spazi all'aperto della chiesa nuova del paese.

Quest’anno si aggiudica il riconoscimento nella categoria “giornalismo” Andrea Lodato, vicecaporedattore e tra le firme di punta del quotidiano La Sicilia, che si è distinto per l’equilibrio mostrato, scevro da faziosità e manicheismi, nel trattare il delicato tema dell’immigrazione nel Mediterraneo. Al critico letterario Massimo Raffaeli andrà invece il premio “calcio e letteratura”. Collaboratore di prestigiose testate giornalistiche, autore di libri e ricerche letterarie molto apprezzate, Raffaeli è anche uno tra i più raffinati cercatori di “storie di cuoio”, capace di coniugare magnificamente la prosa civile di Paolo Volponi con le geometrie euclidee di Giacomo Bulgarelli.

Andrea Lodato

Andrea Lodato

Due i riconoscimenti alla carriera: a Lamberto Boranga, ex portiere di calcio e attuale medico dello sport, estremo difensore del Cesena che approdò in Coppa Uefa a metà degli Anni 70, e a Ernesto Bassignano, giornalista, cantautore e conduttore radiofonico. Nel suo lungo iter professionale Bassignano è stato componente del mitico Folkstudio di Roma: tra le sue trasmissioni di punta Ho perso il trend, andata in onda su Radio 1 Rai e condotta in coppia con il giornalista sportivo Ezio Luzzi dal 1999 al 2011. Il premio nella categoria “storia e territorio” va a Diego Scarabelli per la ricerca sul maresciallo Salvatore Bordonaro, sottufficiale dei carabinieri che inventò il “processo verbale” dando grande impulso alla lotta alla mafia nella prima parte del secolo scorso. Il premio per la sezione “teatro” sarà consegnato ad Andrea Saverio Puglisi (è suo il monologo teatrale La guerra di Paulinuzzu Millarti che inaugura venerdì 3 sera il Premio), giovane attore catanese da anni trasferitosi a Roma dove ha preso parte a produzioni e progetti artistici di prestigio.

Andrea saverio Puglisi

Andrea Saverio Puglisi

Il premio nella categoria “musica” va al pianista Giuseppe Furnari, tra gli autori di Rivederti, il brano presentato da Mario Biondi al Festival di Sanremo 2018. Due i premiati nell’ambito della sezione speciale “Capo Passero” riservata a coloro che mettono in evidenza il territorio all’estremità sudorientale della Sicilia in ambito sociale: Elisabetta Schifitto, per la sua esperienza sanitaria tra i bambini di un villaggio del Senegal, e Piera Stefania Arfò per la costante promozione delle qualità nutritive e antiossidanti del pomodoro di Pachino. Tra gli ospiti di prestigio spiccano Darwin Pastorin e Massimiliano Castellani, tra le migliori firme del giornalismo e della letteratura sportiva nazionale, il cantautore Ugo Mazzei ed il pianista Salvino Strano che curerà le musiche del reading letterario Ribelli, Sognatori e Fuggitivi organizzato sabato 4 agosto, nell’ambito del Premio, in memoria dello scrittore argentino Osvaldo Soriano. La XIII edizione del Premio più a sud di Tunisi, che si concluderà domenica con la cerimonia durante la quale saranno consegnati i premi, è promossa dall’Associazione Capo Passero in collaborazione con l’Asd Portopalo, il Comune di Portopalo e il supporto dell’Assemblea Regionale Siciliana.

sertacron@gmail.com

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0