Il video

I Fuoricentro contro la violenza #nessunoescluso

Nuovo singolo per la band milanese capitana dal messinese Maurizio Camuti, un brano che vuole mostrare la violenza sotto molteplici aspetti: psicologica, fisica, verbale e che può colpire tutti, gay, etero, donna, anziano, di colore, o di altre religioni

Il brano della band milanese è stato anche scelto come colonna sonora del seminario “Violenza di genere e...in genere #nessunoescluso”, organizzato a Milano da First Cisl

I Fuoricentro tornano con un singolo dal titolo “E i piedi gonfi”, che ancora una volta tocca un argomento sociale importante, ovvero la violenza. Il brano della band milanese è stato anche scelto come colonna sonora del seminario “Violenza di genere e...in genere #nessunoescluso”, organizzato da First Cisl (Federazione Italiana Reti dei Servizi del Terziario), che si è tenuto nel capoluogo lombardo il 29 novembre e ha avuto tra i relatori l'atleta Ivana Di Martino. Con l'occasione è stato anche presentato ufficialmente il videoclip di “E i piedi gonfi”, che viene così raccontato dal messinese Maurizio Camuti, frontman dei Fuoricentro: «È un brano che vuole mostrare la violenza sotto molteplici aspetti: psicologica, fisica, verbale. La violenza può colpire tutti, #nessunoescluso. Nessuno è escluso che sia gay, etero, donna, anziano, di colore, altre religioni: la violenza è circolare. Ognuno di noi percorre una strada che nel tempo ci porta ad avere "i piedi gonfi": quest'ultima è una metafora che riassume le fatiche che dobbiamo affrontare costantemente nel gestire ciò che per alcuni è 'diverso' e crea talvolta rabbia e violenza negli stessi. La dignità di molti porta a camuffare con del "profumo" tante sofferenze che all' olfatto spesso non vengono percepite. Basterebbe poco per respirare altro se solo ci ricordassimo come eravamo da bambini!».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0